La mê candidature pal Pat pe Autonomie / Patto per l’Autonomia

Paesaggio friulano dal sito del CIRD, Centro Interdipartimentale per la Ricerca Didattica

Di Andrea Venier

A son aromai uns 25 agns che mi ocupi in maniere ative di culture e identitât furlane. E duncje, daûr di cheste passion, ancje di politiche furlaniste, simpri sperant inte rivade di un partît autonomist fuart. Intai agns, ducj i tentatîfs che o ai viodût no rivavin mai a nuie.
Chest an però o ai viodût biadelore madressi un progjet seri, chel dal Pat pe Autonomie/Patto per l’Autonomia, che o savevi che al veve chê di presentâsi aes elezions politichis talianis.
Une volte uficializade la presince de liste pes elezions dai 4 di Març dal 2018 o vevi pensât di scriviur un messaç public par ringraciâju: pe prime volte di cuant che o voti, in regjon o podevi elei in Parlament un rapresentant de nestre tiere cence passâ pai partîts talians! Ce liberazion!
Ma, dôs domeniis za fa, mi à telefonât Massimo Moretuzzo che mi proponeve di candidâmi pal listin proporzionâl dal Senât inte circoscrizion Udin-Pordenon. No podevi duncje no acetâ, sedi par dâ une man a chest biel progjet, sedi par vie che lu sint coerent cul gno percors personâl. Particolâr decisîf ancje il fat che lis listis dal Pat a son componudis inte totalitât di un grup di bravis personis, netis e entusiastis.
SE O VOLARÊS DÂNUS  UNE MAN CUL VUESTRI VÔT, O LAIS SUL SIGÛR. Mandi!

————–

Di Andrea Venier

Saranno ormai venticinque anni che mi occupo attivamente di cultura e identità friulana. E ovviamente, a traino di questa passione, anche di politica friulanista, sognando come tanti l’arrivo di un partito autonomista forte. Negli anni, tutti i tentativi a cui ho assistito non approdavano mai a nulla.
Quest’anno però ho visto finalmente la nascita di un progetto serio, quello del Patto per l’Autonomia/Pat pe Autonomie, che aveva l’ambizione di presentarsi alle elezioni politiche italiane.
Una volta ufficializzata la presenza della lista per le elezioni del 4 marzo 2018 avevo pensato di scrivere un messaggio pubblico per ringraziarli: per la prima volta da quando voto, in regione potevo eleggere in Parlamento un rappresentante della nostra terra senza passare per i partiti italiani! Che liberazione!
Poi, due domeniche fa, ho ricevuto la telefonata di Massimo Moretuzzo che mi proponeva di presentarmi per il listino proporzionale del Senato nella circoscrizione Udine-Pordenone. Non potevo quindi non accettare di candidarmi, sia per dare una mano a questo bel progetto, sia perché coerente al mio percorso personale. Particolare decisivo anche il fatto che le liste del Patto sono composte nella totalità da un gruppo di brave persone, pulite ed entusiaste.
SE VORRETE SOSTENERCI COL VOSTRO VOTO, ANDATE SUL SICURO. Mandi!



YOU MAY LIKE