Cui sino. Lis cuatri gjambis dal Pat / Chi siamo. Le quattro gambe del Patto

Di Andrea Venier

Innanzitutto vorrei spiegarvi chi siamo: il Patto per l’Autonomia è una coalizione. Chi conosce un po’ la storia politica regionale sa quanto sia difficile unire le varie formazioni autonomiste e questo è già un entusiasmante prodotto di questo nuovo progetto. Lo vedo come un tavolo solido, di quelli che tanti friulani hanno nelle taverne delle case, attorno al quale riunirsi: il Patto ha quattro gambe, infatti.

Il logo del Patto

Patto per l’Autonomia. È il partito che dà il nome alla coalizione. Si tratta di un movimento di sindaci, amministr’atori pubblici e cittadini della regione, stufi delle logiche dei partiti italiani. Fanno riferimento a Sergio Cecotti, che spero si presenti candidato presidente alle prossime elezioni regionali. Ci divertiremmo…

 

Patrie Furlane

Patrie Furlane. È l’elemento più idealmente friulanista del Patto. Vanta fra le fila l’unico rappresentante istituzionale di un movimento che fa esplicitamente riferimento al territorio friulano, il consigliere provinciale Federico Simeoni, che sarà capolista nel listino proporzionale per il Senato del quale faccio parte. Fanno parte dell’Efa (European Free Alliance), una organizzazione di partiti indipendentisti autonomisti dove c’è, ad esempio, lo Scottish National Party della premier Nicola Sturgeon.

 

Il logo dei Manoâi

I Manovali per l’Autonomia. Come dice il nome, non vogliono essere un partito, ma un movimento, un gruppo di cittadini che si è riunito con entusiasmo per sostenere le idee dell’autonomia come modo di pensare la politica, che deve venire dai territori e non dall’alto. Il processo esattamente contrario a quello che si è imposto attualmente. Nati da poco, hanno saputo riunire già un bel gruppo di attivisti.

 

La società civile. Io mi considero di questa “gamba del tavolo”. Orgogliosamente friulanista, mai iscritto ad alcun partito e neanche mai simpatizzato particolarmente per alcun partito italiano, ho sempre votato finora il meno peggio. Operazione che negli anni si è fatta sempre più difficile. Il fatto che quest’anno si possa votare per il Parlamento un partito della nostra terra mi entusiasma. È una liberazione, per me. In questa gamba metto anche Tullio Avoledo, il più noto di noi al di fuori dei confini regionali, che è il candidato uninominale nella mia circoscrizione al Senato. Entusiasta e preparato, ha voluto mettersi in gioco in questo progetto, e sareste matti a non votarlo: lo voglio a Roma, a tenere d’occhio cosa fanno laggiù, a difendere i nostri interessi.

——————–

Di Andrea Venier

Prin di dut o volarès sclarî cui che o sin: il Pat pe Autonomie e je une coalizion. Cui che al cognòs un pôc la storie politiche regjonâl al sa cetant che al sedi dificil unî lis variis formazions autonomistis: un prin ri’sultât di chest gnûf progjet che al entusiasme. Lu viôt tant che une taule solide, di chês che in tancj furlans a àn tes cjasis, dulà che si dâsi adun: il Pat al à cuatri gjambis, di fat.

 

Il logo dal Pat

Pat pe Autonomie. Al è il partît che i da il non ae coalizion. Un moviment di sindics, publics aministradôrs e citadins de regjon, stufs des logjichis dai partîts talians. A fasin riferiment a Sergio Cecotti, che o speri si presenti candidât president aes elezions regjonâls prossimis. Si divertiressin…

Patrie Furlane

Patrie Furlane. Al è il sogjet plui furlanist dal Pat. A àn l’unic rapresentant istituzionâl di un moviment che al fâs in maniere esplicite riferiment al teritori furlan, il conseîr provinciâl Federico Simeoni, che al sarà prin de liste intal listin proporzionâl pal senât, che i fâs part ancje jo. A fasin part de Efa (European Free Alliance), une organizazion di partîts indipendentiscj autonomiscj cun, par esempli, il Scottish National Party de prime ministre Nicola Sturgeon.

Il logo dai Manoâi

I Manoâi pe Autonomie. Cemût che al dîs il non, no vuelin jessi un partît, ma un moviment, un grup di citadins che si è dât adun cun entusiasim par sostignî lis ideis de autonomie tant che mût di pensâ la politiche, che e à di vignî dai teritoris e no dal alt. Il procès in maniere esate contrari a chel che si è imponût cumò. Nassûts di pôc, a àn savût dâ adun za un biel grup di ativiscj.

La societât civîl. Jo mi calcoli di cheste “gjambe de taule”. In maniere braurose furlanist, mai iscrit a cualchi partît e mai simpatizât trop par cualchi partît talian, o ai votât simpri fin cumò chel mancul piês. Operazion che intai agns si è fate simpri plui dificile. Il fat che chest an si puedi votâ pal Parlament un partît de nestre tiere mi entusiasme. E je une liberazion, par me. In cheste gjambe o met ancje Tullio Avoledo, chel plui cognossût di nô fûr dai confins regjonâi: il candidât uninominâl inte mê circoscrizion al Senât. Entusiast e preparât, al à volût metisi in zûc in chest progjet, e o saressis mats a no votâlu: lu vuei a Rome, a tignî di voli ce che a fasin là jù, a difindi i nestris interès.


YOU MAY LIKE