Tra immigrazione e Visitors, ti salvi solo votando Patto. Come dice anche Ernesto Galli della Loggia

La vere invasion

L’ennesima rissa fra immigrati a Pordenone (link) rinfocola la polemica ’sulla loro presenza in regione, come se non bastassero i fatti di Macerata. E come se non bastasse la gazzarra fra i partiti italiani, gli unici responsabili, tutti, della situazione, col COCKTAIL ESPLOSIVO dato dalle lungaggini burocratiche del la legge Bossi-Fini di centrodestra, ibridato con la goffa gestione e coi tagli di risorse dei recenti governi di centrosinistra. E non promettono nulla di buono i nuovi arrivati, che ieri aboliscono il reato di clandestinità e oggi fanno i duri con slogan “leghista vintage”. In Parlamento cosa faranno? Boh! Chissà! Mah! Idee poche ma ben confuse. Competenze assai incerte.

All’inadeguatezza in generale della classe politica nel gestire a monte la situazione, c’è anche l’aggravante che questa è SCARICATA IN TOTO AGLI AMMINISTRATORI LOCALI. Con le ultime leggi elettorali fatte di nominati, infatti, e con i tali nominati rispondenti solo alle logiche dei partiti, il territorio ha perso il riferimento politico con il potere centrale, quella cinghia di trasmissione che consentiva di avere qualche riscontro rispetto ai ’suoi problemi e istanze.

È quella che  in un articolo ’sul Corriere della Sera Ernesto Galli Della Loggia chiama «la solitudine politica locale», dove fra le altre cose scrive:

Oggi come oggi, se vuole illustrare il disagio e i bisogni della ’sua città (per esempio riguardo la sicurezza), il sindaco di Macerata può al massimo (spero non balbettando come ha fatto alla radio) rivolgersi al prefetto. Un tempo, invece, il deputato e il sen’atore eletti localmente fungevano da naturali raccordi e collettori dei problemi locali verso il governo nazionale. Essi informavano, chiedevano, insistevano: non da ultimo perché ne andava della loro rielezione: che oggi invece dipende solo da una segreteria di partito a Roma o a Milano.

Quest’anno la legge elettorale, grazie alla parte uninominale, consente di votare la persona. Le segreterie dei partiti italiani hanno paracadutato per l’ennesima volta, saranno abituati al vizio delle nomine dall’alto, i loro VISITORS ’sul Friuli. Non so se “l’invasione” peggiore siano gli immigrati… L’unica possibilità di limitare gli effetti delle sciagurate politiche di Roma è AVERE IN PARLAMENTO RAPPRESENTANTI DELLA TUA TERRA.

E l’unico partito slegato dai partiti italiani presente alle elezioni è il Patto per l’Autonomia.



YOU MAY LIKE